Sei in procinto di acquistare un monitor per il photo-editing? Ecco alcune caratteristiche da valutare prima di affrontare una spesa non proprio economica.

1 – La dimensione dello schermo è misurata diagonalmente in pollici, mentre la risoluzione misura il numero di pixel che compongono lo schermo. Ma un monitor più grande non comporta necessariamente una maggiore risoluzione.

2 – Una misura molto utile per valutare la qualità di un monitor è la densità di pixel calcolata in ppi (punti per pollice – pixels per inch). Maggiore è la densità, maggiore è la definizione dell’immagine

3 – La retroilluminazione a LED consente agli schermi di essere sempre più sottili, mentre l’IPS ( In-Plane Switching o PLS di Samsung) consente un maggiore angolo di visione.

4 – La maggior parte dei monitor ha una risoluzione Full HD (1920 × 1080), ma ci sono monitor che hanno anche risoluzioni maggiori – ad esempio 2560 × 1440.

5 – I monitor recenti sono diventati più di un semplice schermo per il computer. Hanno altoparlanti incorporati, hub USB, lettori di schede e più ingressi (HDMI ecc.). Valuta di quali di queste caratteristiche hai bisogno.

6 – Con così tanti dispositivi collegati ai nostri computer  un hub USB sarà certamente qualcosa di cui non potrete fare ameno.

7 – Sarebbe bene utilizzare sempre un’interfaccia digitale come il DVI o l’HDMI.

8 – Sembrerà banale, ma assicurati che i tasti funzione del monitor siano funzionali, accessibili e facilmente utilizzabili.

9 – Alcuni monitor hanno la possibilità di ruotare di 90 gradi per essere utilizzati in verticale. In certi casi può risultare molto comodo.

10 – Se hai bisogno di una maggiore accuratezza nella resa del colore il true-to-life colour potrebbe essere una scelta ottimale.

Alcuni dei migliori monitor per il photo-editing in vendita su Amazon: