Ci sono molte ragioni per cui le fotografie risultano essere poco nitide. A volte dipende dalle condizioni ambientali o del soggetto a volte dipende da come abbiamo impostato la nostra macchina fotografica. Nel primo caso la nitidezza della foto è condizionata dall’abilità del fotografo (utilizzo del cavalletto, panning, ecc.) nel secondo ci sono delle piccole accortezze che possiamo prendere impostando a dovere la macchina fotografica.

Apertura
L ‘apertura di solito è vista come un modo per controllare la quantità di luce che entra nella fotocamera attraverso l’obiettivo, ma influisce profondamente anche sulla profondità di campo. L’apertura è spesso una questione molto confusa per i fotografi alle prime armi. Intanto mi sembra corretto precisare che a valori alti di stop corrisponde un’apertura ridotta, mentre a valori bassi corrisponde un’apertura ampia. Ad esempio ad aperture di f1,4 o f2 il diaframma è completamente spalancato e in questo caso l’effetto immediato è quello di avere una profondità di campo molto limitata lasciando a fuoco a volte anche solo pochi centimetri del soggetto inquadrato. Ovviamente in foto di paesaggio questo potrebbe essere un effetto poco piacevole e risolvibile aumentando il valore di apertura del diaframma.

Scala diaframmi

ISO
Cosa si può fare se il fotografo ha bisogno nitidezza, ma l’ambiente è anche poco illuminato? Una delle soluzioni più veloci è quella di aumentare la sensibilità del sensore (ISO) in modo da ridurre i tempi di esposizione a parità di apertura. Un inconveniente però nell’utilizzo di ISO elevati è che si produce molto rumore nella foto limitando notevolmente la possibilità di riprodurre la foto a grandi dimensioni.

Rumore della foto al variare dei valori ISO

Filtro a densità neutra (ND)
Cosa succede se al contrario c’è troppa luce? L’effetto immediato è quello di avere una foto sovraesposta. Ci sono però dei filtri che possono aiutarci in queste situazioni. Si tratta di filtri a densità neutra (ND) che permettono di ridurre di diversi stop l’esposizione dello scatto ottenendo una foto correttamente esposta.

Messa a fuoco manuale
Un altro problema che può causare una mancanza di nitidezza in una fotografia è dovuto alle tante modalità presenti per la messa a fuoco. Una errata messa a fuoco del soggetto compromette notevolmente la nitidezza della foto. La macchina fotografia ha un sistema di valutazione automatica per la definizione delle zone da mettere a fuoco, ma a volte questi sistemi possono dare dei risultati indesiderati. Ecco perché ci sono casi in cui è preferibile utilizzare la modalità di messa a fuoco manuale. A volte è complicato impostare il fuoco manuale, ma se siamo dotati di cavalletto possiamo usare la modalità live view della macchina per zoomare l’inquadratura e affinare la messa a fuoco manuale.

Messa a fuoco manuale in modalità live-view