Avete mai visto quelle belle fotografie panoramiche che si estendono in orizzontale e rappresentano un panorama meraviglioso? Ecco un esempio.

 Per realizzare una foto come questa basta seguire delle semplici regole.

Gli strumenti
Droid X Camera-4878.jpg Innanzi tutto non è necessaria una macchina professionale, ma possiamo utilizzare una qualunque macchina compatta, addirittura la fotocamera del cellulare. Ovviamente maggiore è la risoluzione della macchinetta, maggiore è la qualità della foto finale. Un cavalletto è sicuramente utile, ma vi assicuro che la maggior parte dei panorami li ho fotografati a mano libera. Comunque i risultati migliori si ottengono montando la macchina su un cavalletto ben stabile, su questo non si discute.

Come scattare
NX11_sub01.jpgAlcune macchinette fotografiche hanno una funzionalità apposita per lo scatto di panorami composti da più scatti. Questa può essere di aiuto per identificare le zone di sovrapposizione necessarie per la composizione del panorama finale. In genere la regola è che per ottenere un risultato corretto si devono fare più scatti, orizzontali, verticali o entrambi, tenendo conto che l’area di sovrapposizione tra i bordi di uno scatto e l’altro deve essere almeno del 30% e non più del 70%. Questo vale sia per i bordi laterali sia per i bordi verticali. Gli scatti devono essere sequenziali, da destra a sinistra e viceversa o dall’alto verso il basso e viceversa. Si possono anche mischiare queste due modalità in modo da ottenere foto di dimensioni notevoli. Questo metodo si usa anche per aumentare la risoluzione di una foto. Unendo, infatti, più scatti i megapixel risultanti saranno molti di più e gli ingrandimenti permetteranno una risoluzione molto più accurata. Se si usa una macchina reflex, cercate di non variare l’esposizione tra i vari scatti e di avere una messa a fuoco all’infinito.

E dopo gli scatti?
Dopo gli scatti ovviamente è necessario “attaccare” le singole foto tra di loro. Lo possiamo fare con diversi software a pagamento e gratuiti. Per sistemi Windows un’ottima soluzione gratuita è Microsoft ICE. Un software che permette, in maniera molto semplice, di comporre i nostri panorami. L’utilizzo è veramente semplice, basta selezionare le fotografie (l’ordine non conta, vengono riconosciute automaticamente) e decidere la modalità di composizione. Altro software interessante è Hugin, software opensource dalle ottime caratteristiche, sicuramente da provare.

Il risultato
Alla fine potremo avere un risultato decisamente interessante. Pensate all’effetto di una foto panoramica stampata e incorniciata da esporre in salone. Meglio di un quadro di  Picasso. A parte gli scherzi, le foto panoramiche sono molto belle da vedere e danno anche grandi soddisfazioni. Con un po’ di fantasia si possono anche ottenere effetti divertenti.

Fregene and Me