La foto di oggi è una foto un po’ particolare perché non ci limitiamo a vedere come è stata scattata, ma anche quale processo di post produzione è stato applicato.

Roma, arco di Costantino

LO SCATTO

Impostazioni di Bracketing

Impostazioni di Bracketing

Lo scatto l’ho realizzato su un cavalletto con un obiettivo 10mm (quindi un grandangolare) e la funzionalità di bracketing impostata a +2/-2 stop. Cosa vuol dire questo? Vuol dire che impostando la macchina in questo modo (in genere si può fare su tutte le reflex – vedi immagine di lato) si ha la possibilità di effettuare 3 scatti con una esposizione variabile tra -2 stop e +2 stop rispetto alle impostazioni correnti.

E’ anche il procedimento che spesso viene usato per fare foto HDR e che dà la possibilità di avere una gamma cromatica maggiore a disposizione in fase di post produzione.

I dati EXIF dello scatto sono i seguenti:

Esposizione: 0,067 sec (1/15)
Aperture: f/14.0
Lente: 10 mm
ISO: 500

POST PRODUZIONE

La lavorazione in post produzione è la stessa utilizzata per le foto HDR tranne per il fatto che ho prima reso le foto in bianco e nero ed applicato delle maschere di contrasto per esaltare i contorni. Questa operazione varia ovviamente da foto a foto e quindi vi consiglio di sperimentare con le diverse impostazioni fino a trovare quella che più vi piace. In questo modo riuscirete ad ottenere un cielo dai toni decisi e drammatici.

Gli strumenti da usare sono diversi. Photoshop o Gimp (gratuito) per trasformare la foto in bianco e nero e per applicare le maschere di contrasto e Photomatrix o Luminance HDR (gratuito) per l’elaborazione HDR.

Buon divertimento e buona sperimentazione.